Tag

, , , , , , , , , ,

Stella è stata gentilmente convinta ( praticamente costretta ) a tenersi libera perchè “se non ci fosse stata, lui poteva pensare che la cena fosse un obbligo”. Lui, a proposito, si chiama Marco e sembra che sia più giovane di me… e single. Al sentire questa notizia continuo a ripetermi nella testa che non vuol dire niente. Se dovessi sospettare di tutti gli uomini più giovani e single non potrei più vivere.

Rimango in sospeso tra un’onda di gelosia e la diga di pseudo-logica e fiducia che la trattiene fino a quando il nostro ospite non bussa alla porta. Vado io ad aprire.

<< Ciao Marco! Che piacere conos… >> rimango di sasso. È un uomo distinto, dai tratti comuni. Capelli castani, occhi neri, fisico snello. Io lo riconosco subito, ma lui sembra essersi dimenticato di me. Forse senza divisa non mi riconosce.

<< Caro, non fai gli onori di casa? >> Elisa mi si avvicina sciogliendo il torpore in cui ero avvolto. Mi guarda stranita e mi sussurra all’orecchio << Che c’è? Lo conosci già? >>.

Accompagno il nostro ospite in cucina, dove fa conoscenza di Stella, poi torno indietro a chiudere la porta e ne approfitto per rispondere a mia moglie << è un mio…cliente rimasto parecchio insoddisfatto della mia merce >>.

Lei mi guarda incredula << gli hai fatto una multa? E come l’ha presa? >>.

La guardo e sospiro << male. Molto male. Stava per arrivare alle mani >>.

Elisa si mette a ridere come se le avessi raccontato una barzelletta molto divertente. Io le faccio uno sguardo che intende sottolineare la serietà della mia storia, ma non sembra funzionare.

<< Dai, dai. Non prendertela così! >> mi risponde prendendomi il braccio e stringendosi a me << fai un lavoro snervante e nella stanchezza avrai scambiato un gesto innocuo per un tentativo di rissa >>.

<< Mi ha minacciato! >>.

<< E chi non lo ha fatto? Quante minacce senti tutti i giorni? Sono cose che si dicono in un momento di rabbia. È una specie di sfogo. >> ed incalza << Persino io ho minacciato un vigile! >>.

Le lancio uno sguardo accusatore, ma lei se lo fa scivolare addosso.

<< Bhè? Solo perchè sono moglie di un vigile non può capitare che risponda ad un suo collega? >>. Il discorso finisce qui. Alcune volte penso che sia lei a decidere quando troncare una discussione. Mi convince a far tabula rasa di ciò che è già successo ed a dare una seconda chance al suo collega. << Lui, in fin dei conti l’ha già fatto. >> mi dice << Ha una memoria talmente eccezionale che credo sia impossibile che non ti abbia riconosciuto >>.

( Ha una memoria eccezionale. Mi ha riconosciuto ).

Tento di non far notare che per un secondo ho tremato.

———————————————————————————————————————————

Un racconto della raccolta “Allucinazioni”.

Vuoi leggere tutto il libro? clicca qui

Annunci