Tag

, , , , , ,

Allucinazioni fronte

Non essendo molto etico recensire un libro scritto da me, inserirò su questa pagina le recensioni ed i giudizi che gli altri esprimeranno in merito, trascrivendoli o “linkando” i blog dove sono presenti.

Di mio posso dire che “Allucinazioni” è la mia prima raccolta di storie brevi, scritte nel tempo e con ispirazioni diverse. Al suo interno ho inserito cinque storie brevi dove il protagonista, più che il personaggio stesso,sono gli eventi che accadono ed il modo in cui sono visti dal protagonista. Per rendere ancor meglio questo elemento, le storie sono scritte in prima persona presente, in modo da far si che tutto quello che viene descritto corrisponda a quello che il protagonista vive, senza troppi punti di vista estranei o anticipazione degli eventi.

In quanto “opera prima” credo che risulterà “grezza” nello stile, come ogni opera prima di qualsiasi autore.

Le storie presenti le ho scelte in base alla loro qualità. Ho inserito nella raccolta quelle che ho ritenuto più interessanti e meglio scritte. Chi le ha lette ha confermato le mie scelte. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi.

Incubus hotel: è la prima storia. Una coppia di fidanzati decide di passare il loro anniversario nello stesso hotel in cui si sono incontrati anni fa, approfittando della nuova riapertura del posto. La notte, però, non passerà tranquilla ed il protagonista dovrà vivere un’esperienza che lo porterà ad affrontare una vecchia colpa e romperà la divisione tra sogno e realtà.

Gli orchi: Una normalissima guerra in un mondo medievale-fantasy. Uomini contro orchi, bene contro male.  Ma la realtà è ben diversa e qualcun non vuole vederla.

Mi senti?: un piccolo esperimento narrativo. Una brevissima storia fatta principalmente di dialoghi e poche righe di descrizione.

Un caso di omicidio. La vittima è un uomo anziano, morto nel suo letto. Tutto era iniziato con una telefonata strana. Una sola frase : <>

Persecuzione: fare il vigile non è sempre un lavoro semplice, se ti impegni nel farlo bene. Sei costretto a discutere con tanta gente, a sentire tante scuse, a subire tante minacce. E se qualcuno decidesse di passare dalle minacce ai fatti?

La vita del protagonista viene sconvolta a seguito della solita minaccia di un uomo, che si scopre essere nuovo della zona, un nuovo collega di sua moglie…il nuovo vicino di casa.

Nel frattempo un assassino seriale, conosciuto per l’abitudine di perseguitare le vittime prima di uccidere, sembra aver spostato la sua area d’azione, includendo la cittadina in cui si svolge tutta la storia. E’ solo un caso?

Due mondi: un uomo qualunque si sveglia scoprendo di essere in un vicolo della sua città, in mezzo a spazzatura e sporcizia. Non ha i suoi vestiti addosso, ma qualcosa di sporco e logoro. Non ricorda cosa lo abbia portato a svegliarsi in quel luogo. L’ultimo ricordo è di lui che si corica nel suo letto insieme a sua moglie. Non sa, però, che l’essersi svegliato in un vicolo sarà l’ultimo dei suoi problemi.

Se siete interessati a leggere queste storie, vi invito a cliccare su questo link:

Anteprima “Allucinazioni: Incubus Hotel”

Il link vi riporterà alla sezione “una pagina al giorno” dove sto pubblicando (a colpi da una pagina a volta) la prima storia.

Spero in vostri commenti. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

Link alle recensioni:

-Dandellion- il blog degli scrittori emergenti

-Infiniti Mondi

Annunci